Archivi tag: Diritto allo Studio

Il nostro NO al Piano di Diritto allo Studio

Martedì 28 Novembre 2017 in Consiglio Comunale è stato dibattuto il Piano di Diritto allo Studio e, nonostante il nostro parere positivo in merito all’offerta formativa generale, abbiamo dato un voto contrario per alcuni validi motivi.

Innanzitutto abbiamo espresso la nostra forte preoccupazione per la conferma che il servizio di trasporto scolastico si avvia verso la totale esternalizzazione in tempi piuttosto brevi, visti gli imminenti pensionamenti; preoccupazione dovuta al fatto che questo processo porterà ad un probabile abbassamento della qualità del servizio stesso, aggravata dal fatto che il bacino d’utenza (bambini e ragazzi) è particolarmente sensibile.

L’esempio di quanto avvenuto Lunedì pomeriggio è emblematico: sei ragazzini di prima media sono stati lasciati a piedi dall’autista della società Line, che presta servizio di trasporto scolastico per le Frazioni di Zorlesco e Vittadone. L’autista non ha ritenuto di dover aspettare gli studenti in leggero ritardo, incurante del fatto che si trovassero già nel Parco delle Molazze e quindi a poche decine di metri dalla fermata, e nonostante fossero gli unici passeggeri ad usufruire del servizio.

Siamo certi che il comportamento di un autista di scuolabus comunale sarebbe stato diverso. Questo episodio, insieme ad altri, dovrebbe quindi far riflettere a fondo sulla necessità di salvaguardare in ogni modo quella parte di trasporto scolastico che ancora è in gestione diretta del Comune e che a nostro parere va mantenuta tale anche negli anni a venire.

Un altro aspetto critico è la difficoltà, da noi già evidenziata a più riprese, nella gestione del rinnovo delle convenzioni con le scuole primarie paritarie, col forte rischio di una dispersione di risorse nel privato ai danni del pubblico. Riteniamo fondamentale arrivare a una chiara e netta distinzione, dando priorità alla scuola statale; questo però non accade, visto che ogni anno si fatica enormemente per definire i contributi da elargire alle scuole paritarie, che sempre più spesso sembrano quasi tenere sotto scacco il Comune.

Altra criticità è la mancanza di dialogo con le istituzioni, in particolare con la Provincia, che penalizza la presa in carico e il corretto svolgimento dei servizi che garantiscono l’inclusione scolastica, in particolare agli studenti con disabilità. Per esempio, fino all’anno scorso i servizi di assistenza educativa e trasporto degli alunni disabili delle scuole superiori erano a carico della Provincia ma furono comunque svolti dal Comune, che nel 2016/2017 spese rispettivamente 27.000 € e 9.000 €, senza però che si sia ancora capito quale contributo sarà erogato dalla Provincia.

Infine la questione ascensori. I certificati di sicurezza degli impianti della scuola “Bonaccorsi” di Zorlesco e “Scotti” di Casale sono scaduti e la relativa documentazione è stata smarrita nel corso degli ultimi 20 anni; pertanto gli ascensori vengono momentaneamente utilizzati in deroga, misura necessaria per gli alunni disabili e alla “Bonaccorsi” anche per trasportare il carrello della mensa ai piani superiori. Risultato: non trovandosi più la documentazione, l’Amministrazione ha dovuto spendere ben 50mila € per l’affidamento dei lavori di sostituzione dei pezzi necessari all’adeguamento normativo e la conseguente certificazione.

Questi sono i motivi del nostro NO a questo Piano di Diritto allo Studio.

Di seguito riportiamo il testo dell’intervento della nostra portavoce Consigliere Eleonora Paloschi (che potete vedere nel video dal minuto 1:37:12 a 1:41:55).

«Anche quest’anno siamo chiamati ad esprimere un parere sul Piano di Diritto allo Studio elaborato da questa Amministrazione tramite l’Assessorato alla Pubblica Istruzione. La scuola, e più in generale l’organizzazione del sistema scolastico, è uno degli argomenti che meritano maggiore attenzione, pertanto vale la pena esprimere una riflessione un po’ più ampia.

Se oggi la scuola italiana non è più un’eccellenza è a causa dei governi che nel corso di questi anni, con i loro tagli, hanno drasticamente sottratto ore a discipline fondamentali e portato alla scomparsa di oltre 90mila cattedre. Una scuola che non ha i soldi per comprare fogli di carta e altri materiali didattici ed è costretta a chiedere alle famiglie un contributo ‘volontario’ all’atto dell’iscrizione, non è più una scuola gratuita. Come non lo è una scuola che subordina il diritto allo studio all’adesione a servizi a pagamento, quali la mensa e il trasporto, violando di fatto un principio assoluto sancito dall’Art. 34 della Costituzione.

L’Italia, oltre ad essere tra i Paesi europei che investono meno nell’istruzione (4% del PIL, quasi un punto percentuale in meno rispetto al 4,9% della media UE) conta anche un’alta incidenza di dispersione scolastica e un flusso migratorio (in uscita) di risorse qualificate in costante crescita.

In un mondo sempre più affamato di istruzione, gli insegnanti dovrebbero essere la colonna portante del sistema educativo. Invece la professione diventa sempre meno attraente per i giovani e la popolazione dei docenti si fa sempre più vecchia, in particolare nei livelli più elevati di istruzione. Il corpo docenti italiano è una delle categorie con i salari più bassi del pubblico impiego, nonché la meno pagata d’Europa.

Abbiamo grosse difficoltà a gestire il conflitto d’interesse tra servizio pubblico e privato, il che comporta un’ulteriore sperpero di risorse. Per questo motivo riteniamo fondamentale ridiscutere la Legge 62/2000, per arrivare a una chiara e netta distinzione tra scuole pubbliche e private, dando priorità alla scuola statale.

Perché la ‘buona scuola’, per come la intendiamo noi, è una scuola pubblica e statale, gratuita, democratica, aperta, inclusiva e innovativa: una scuola che viene messa al centro delle politiche del governo. Possiamo ragionare di numeri e dettagli, ma finché la cultura e soprattutto l’istruzione non verranno visti come fondamentali per la nostra Nazione, non c’è molto da dibattere.


Venendo al nocciolo della questione, questa sera siamo chiamati ad esprimere un giudizio sull’operato di questa Amministrazione in termini di organizzazione dei servizi scolastici.

Premesso che appoggiamo il Piano Triennale dell’Offerta Formativa nel suo insieme, in particolare i principi di coesione sociale, inclusione e integrazione, nonché le iniziative contenute nel Piano stesso e avviate anche grazie alla collaborazione instaurata tra Amministrazione, Istituto Comprensivo, Enti locali, centri di aggregazione culturale e le associazioni del territorio.

Condividiamo inoltre lo spirito con il quale questo Assessorato ha deciso di affrontare il problema dell’inclusione e dell’integrazione sociale, economica e culturale degli alunni stranieri, operando nel pieno rispetto delle differenze, in un’ottica prevalentemente laica e priva di pregiudizio.

Tuttavia nell’esprimere il nostro giudizio, non possiamo non tenere conto anche delle criticità evidenziate in sede di dibattito.

Per la precisione:

1) L’imminente esternalizzazione del servizio di trasporto scolastico e, soprattutto, la mancanza di trasparenza con la quale è stata assunta questa decisione.

2) La difficoltà, evidenziata a più riprese, nella gestione del rinnovo delle convenzioni con le scuole primarie paritarie.

3) La mancanza di dialogo con le Istituzioni, in particolare con la Provincia, che penalizza il corretto svolgimento e la presa in carico dell’organizzazione dei servizi che garantiscono l’inclusione scolastica, in particolare agli studenti con disabilità.

Per questi motivi, anche quest’anno, seppur con rammarico, il nostro voto sarà un NO.»

Annunci

Consiglio Comunale 04/10/2016

Martedì 4 Ottobre 2016 alle 20:30 presso la Sala Consiliare di Piazza del Popolo 22 a Casalpusterlengo si è tenuto il Consiglio Comunale, con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Approvazione Piano per il Diritto allo Studio 2016/17.
  2. Approvazione modifiche al Regolamento Albo Comunale delle Associazioni approvato con Atto C.C. n. 29 del del 23/04/2004.
  3. Mozione presentata dalla Consigliera Comunale Sig.ra Eleonora Paloschi del Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle (Prot. 18051 del 23/09/2016) avente per oggetto: Introduzione del “Question Time” del Cittadino.
  4. Relazione semestrale sull’attività svolta dalla Commissione Speciale per lo studio ed il monitoraggio della gestione del servizio ospedaliero locale e per il presidio delle prospettive gestionali del Distretto Sanitario di Casalpusterlengo.

Noi del MoVimento 5 Stelle Casalpusterlengo eravamo presenti con il nostro portavoce Consigliere Eleonora Paloschi.

Scarica l’avviso: Consiglio Comunale 04/10/2016 [file .pdf – 313 kb]

RESOCONTO

1. Approvazione Piano per il Diritto allo Studio 2016/17.

2. Approvazione modifiche al Regolamento Albo Comunale delle Associazioni approvato con Atto C.C. n. 29 del del 23/04/2004.

3. Mozione presentata dalla Consigliera Comunale Sig.ra Eleonora Paloschi del Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle (Prot. 18051 del 23/09/2016) avente per oggetto: Introduzione del “Question Time” del Cittadino.

4. Relazione semestrale sull’attività svolta dalla Commissione Speciale per lo studio ed il monitoraggio della gestione del servizio ospedaliero locale e per il presidio delle prospettive gestionali del Distretto Sanitario di Casalpusterlengo.
“Purtroppo non sarò in grado di svolgere una vera e propria relazione, perché dopo il cambio del Direttore di Presidio abbiamo incontrato qualche difficoltà nel dialogo”. A esordire con queste parole è stato il Presidente della Commissione Speciale sull’Ospedale Angelo Caccialanza, in occasione dell’esposizione della relazione sull’attività svolta negli ultimi mesi. A emergere, oltre ad una serie di criticità, è stata la mancanza di interlocuzione venutasi a creare in seguito alla nomina del nuovo Direttore del Presidio Ospedaliero di Casalpusterlengo, Dott.ssa Coccaglio, in sostituzione del Dott. Bernocchi, con il quale si era instaurato un dialogo costante e pertanto funzionale allo svolgimento dell’attività di monitoraggio della Commissione. Tra le questioni in sospeso, quella che attende con maggior sollecitudine una risposta riguarda il destino della nuova TAC, installata agli inizi di Settembre e non ancora in funzione. Uno strumento di ultima generazione, in grado di eseguire sofisticate indagini tridimensionali non invasive nel campo della neuroradiologia e radiodiagnostica, per la quale non sono ancora del tutto chiari sia i tempi previsti per la messa in funzione che l’ambito di impiego. Tra le criticità emerse ed evidenziate anche dall’Assessorato ai Servizi Sociali, si riscontra un rallentamento sulla riorganizzazione del reparto di Neuropsichiatria Infantile, avviata nei mesi scorsi. Una situazione di disagio che si ripercuote negativamente sulle tempistiche previste per l’erogazione delle prestazioni, con liste d’attesa lunghe 16 -18 mesi. Inconcepibile, se si considera che le diagnosi vengono effettuate su soggetti in età evolutiva. E, mentre il Sindaco rassicura tutti dicendo di impegnarsi a cercare spazi di dialogo con l’Azienda per capire quale sarà il futuro di questi servizi, basta dare uno sguardo al passato per provare a darsi delle risposte. Nel nostro Ospedale, solo nell’ultimo anno, sono stati dismessi gli ambulatori di: Diabetologia, Endoscopia, Ematologia; mentre il Laboratorio di Analisi è stato trasferito a Lodi. Il servizio di Medicina Sportiva, del quale fu segnalata dal M5S la progressiva chiusura, avvenuta tra Dicembre 2013 e Maggio 2014, è stato recentemente ripristinato in regime pubblico; in capo all’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) di Lodi ed erogato dall’Azienda Speciale di Servizi di Casalpusterlengo (ASSC), il servizio sarà pienamente operativo a partire dal prossimo mese. L’ultima in ordine di tempo a chiudere i battenti è stata la mammografia, dismessa il primo Maggio, a seguito dell’inaugurazione del nuovo centro di senologia presso l’ospedale di Codogno. Un accorpamento annunciato da mesi e in linea con i principi della nuova Riforma Socio-Sanitaria Lombarda (Legge Regionale n° 23/2015) che, sostanzialmente, favorisce: 1. un forte centralismo regionale, che relegherà i Comuni ad un ruolo di dipendenza economica e organizzativa; 2. la competitività tra soggetti pubblici e privati, in un’ottica prevalentemente imprenditoriale; 3. l’allargamento delle competenze territoriali (15 ASL diventate 8 ATS), che renderà più distanti i luoghi della pianificazione degli interventi dai contesti di vita delle persone. La vera novità è che la Riforma esclude Comuni e Terzo Settore dalle dinamiche di intervento e pianificazione, attribuendo di fatto tutti i poteri alla Regione. È utile ricordare che gli ideatori e promulgatori della Riforma Socio Sanitaria Lombarda sono stati arrestati lo scorso anno per vicende giudiziarie strettamente legate alla gestione della sanità: Mario Mantovani, già Vice-Presidente della Regione Lombardia e Assessore alla Sanità, successivamente reintegrato per vizio di forma e Fabio Rizzi, Presidente della Commissione Sanità, relatore della Riforma, tuttora agli arresti. È auspicabile che le istituzioni non ignorino ciò che è accaduto, perché l’obiettivo primario è quello di vigilare affinché venga garantito il diritto alla salute di tutti i Cittadini. Dal nostro punto di vista è altrettanto importante che l’attività della Commissione Speciale sull’Ospedale sia finalizzata al perseguimento di questo principio e che le diverse sensibilità politiche e ideologiche confluiscano in una visione comune e a beneficio dei cittadini. Se venisse a mancare questa condizione, non avrebbe più senso mantenere attiva la nostra partecipazione a questa Commissione. In attesa di riscontro e partecipazione anche da parte degli altri membri, rinnoviamo la nostra fiducia nel Presidente Caccialanza e lo ringraziamo per l’importante contribuito e l’impegno profuso a salvaguardia del Presidio Ospedaliero di Casalpusterlengo.
Non c’è stata votazione.

Scarica il verbale: Consiglio Comunale 04/10/2016 [file .pdf – 531 kb]

Consiglio Comunale 27/11/2015 e 30/11/2015

Venerdì 27 Novembre 2015 alle 20:00 presso la Sala Consiliare di Piazza del Popolo 22 a Casalpusterlengo si terrà il Consiglio Comunale, con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Approvazione Piano per il Diritto allo Studio A.S. 2015/16.
  2. Integrazione Linee di Iindirizzo alla A.S.S.C. per l’anno 2015 e Linee di Indirizzo alla A.S.S.C. per l’anno 2016.
  3. Approvazione dello Schema di Convenzione per la fruizione dei Servizi Sociali, Socioassistenziali ed Educativi forniti dalla Azienda Speciale di Servizi di Casalpusterlengo Triennio 2016-2018.
  4. Autorizzazione alla Azienda Speciale di Servizi di Casalpusterlengo a svolgere il servizio di Medicia Sportiva in convenzione con l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi.
  5. Approvazione Verbale seduta di Consiglio Cominale del 29/10/2015.
  6. Ratifica Deliberazione G.C. N. 191 del 02/10/2015 avente per oggetto: “Approvazione variazione al Bilancio di Previsione 2015”.
  7. Ratifica Delibera G.C. N. 217 del 06/11/2015 avente per oggetto: “Approvazione variazione al Bilancio di Previsione 2015”.
  8. Approvazione assestamento al Bilancio di Previsione 2015.
  9. Comunicazione relativa ai prelievi dal Fondo di Riserva.
  10. Ordine del Giorno presentato dal Consigliere Comunale Sig. A. Caccialanza del Gruppo Consiliare “MoVimento 5 Stelle” (Prot. 21318 del 20/11/2015) per la tutela del terriotrio agricolo lodigiano.

Qualora nella seduta del 27/11/2015 non si esaurisse la trattazione degli argomenti previsti, il Consiglio Comunale verrà nuovamente convocato per Lunedì 30 Novembre 2015 alle 20:00.

Il M5S Casalpusterlengo sarà presente con il suo portavoce Consigliere Angelo Caccialanza. Come sempre invitiamo i Cittadini a partecipare; nei prossimi giorni troverete comunque un resoconto qui sul blog e sulla nostra pagina Facebook.

Scarica l’avviso: Consiglio Comunale 27/11/2015 e 30/11/2015 [file .pdf – 311 kb]

RESOCONTO

Consiglio Comunale 19/11/2014

Municipio

Mercoledì 19 Novembre 2014 alle 19:30 presso la Sala Consiliare di Piazza del Popolo 22 a Casalpusterlengo si terrà il Consiglio Comunale , con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Approvazione Piano per il Diritto allo Studio A.S. 2014/15.
  2. Servizio di Segreteria Convenzionata per la figura del Segretario Comunale, tra i Comuni di Casalpusterlengo, Brembio, Bertonico e Cavacurta.
  3. Comunicazione dell’Assessore all’Ambiente Luca Canova, in merito alla discarica di Coste Fornaci.
  4. Sostituzione di membro effettivo della Commissione Elettorale Comunale.
  5. Sostituzione componente Commissione Consiliare Permanente Personale.
  6. Proposta di Mozione presentata dal Consigliere Sig. E. Delmiglio (Prot. 17707 dell’11/10/2014) a sostegno del referendum consultivo per la Regione Lombardia a statuto speciale.
  7. Proposta di Mozione presentata dal Consigliere Sig. E. Delmiglio (Prot. 17708 dell’11/10/2014) per l’immediata cessazione dell’operazione Mare Nostrum.
  8. Proposta di Mozione presentata dal Consigliere Sig. A. Caccialanza (Prot. 18646 del 28/10/2014) per l’adesione al Bando di Regione Lombardia per la realizzazione di interventi di edilizia scolastica.
  9. Approvazione Verbali sedute di Consiglio Comunale del 30/09/2014 e 23/10/2014.
  10. Proposta di Mozione presentata dal Consigliere Sig. E. Delmiglio (Prot. N. 19711 del 13/11/2014) per compartecipazione rette del trasporto per i ragazzi disabili.

Il M5S Casalpusterlengo sarà presente con il suo portavoce Consigliere Angelo Caccialanza. Come sempre invitiamo i Cittadini a partecipare; nei prossimi giorni troverete comunque un resoconto qui sul blog e sulla nostra pagina Facebook.

Scarica l’avviso: Consiglio Comunale 19/11/2014 [file .pdf – 297 kb]

RESOCONTO

A breve.